La crisi delle opportunità

la crisi

..molto spesso una crisi è tutt’altro che folle
è un eccesso di lucidità
sta finendo la crisi e ogni volta che passa una crisi
resta qualche traccia ..

La Crisi – Bluvertigo

La Crisi è parte della vita.
La crisi è dolore e solitudine.
La crisi è esclusione e delusione.
La crisi è confusione e perdita.
La crisi è follia e dissolutezza.
La crisi è depressione e buio.
La crisi è stallo e immobilità.
La crisi è esplosione improvvisa e inaspettata.
La crisi è poi risollevarsi.
La crisi è cadere e rimettersi in piedi.
La crisi è riaprire gli occhi.
La crisi è piangere perchè è andato tutto bene nonostante tutto.
La crisi è siamo ancora vivi.
La crisi è perdere tutto il superfluo.
La crisi è riscoprire le cose vere.
La crisi è affrontare le proprie paure.
La crisi è prendere un gran calcio nel culo e riscoprirsi a correre.
La crisi è ricominciare a guardarsi attorno dopo la notte.
La crisi è ricorstuire ciò che è stato distrutto.
La crisi è rinnovarsi.
La crisi è riprendere ad ascoltare le proprie esigenze.
La crisi è smetterla di prendersi in giro.
La crisi è un eccesso di lucidità, e lascia sempre qualche traccia.. come cantano i Bluvertigo..

La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E’ nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere ‘superato’.
Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi dell’incompetenza. L’ inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c’è merito. E’ nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla, e tacere nella crisi è esaltare il conformismo. Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla.”
Albert Einstein